Il Regolamento della sala

ART 1

(OGGETTO DEL REGOLAMENTO)

Il presente Regolamento disciplina le modalità di concessione in godimento della SALA denominata TEATRO TEMPLE ubicato presso la Casa nel Parco, in via Largo Bezzi n° 4 a Sassuolo.

Art 2

(CASI DI UTILIZZO)

  1. L’utilizzo della sale è destinato a favorire l’espressione personale e di gruppo, nonché la creatività teatrale, cinematografica e culturale in genere, riferita in particolar modo ai giovani, e in special modo ai giovani diversamente abili per iniziative organizzate, promosse o patrocinate dall’Associazione C.R.E.A e TEMPLEH2ON e dal COMUNE DI SASSUOLO.
  2. La sala può essere concesse in uso ad altri soggetti, pubblici o privati, per attività di carattere istituzionale, sociale, culturale, formativo, sportivo.

 

Art. 3

(MODALITA’ E CONTENUTO DELLA RICHIESTA)

La richiesta di utilizzo deve essere indirizzata al TEMPLE H2on – via Largo Bezzi, 4 41049 Sassuolo, almeno trenta giorni prima della data di utilizzo.

Nella domanda dovranno essere precisati:

– il giorno e orario di utilizzo

– l’oggetto dell’iniziativa da svolgersi o in ogni caso la finalità dell’utilizzo della sala;

– l’ente o la persona richiedente con indicazione della persona fisica responsabile ed un suo recapito telefonico.

– l’accettazione totale delle norme del presente regolamento e di quelle integranti il unitamente alla ricevuta attestante l’avvenuto versamento di quanto dovuto (se dovuto) per l’utilizzo della sala.

L’istruttoria delle richieste è affidata al Responsabile della Segreteria, di TEMPLE H2on.

Le istanze di concessione saranno esaudite in ordine strettamente cronologico, tenendo conto della data effettiva di presentazione della domanda e della conformità con le norme previste dal presente Regolamento oltre che dalle disposizioni di legge con particolare riguardo alle norme in materia di sicurezza.

I moduli si possono scaricare al seguente link: http://www.teatrotemple.org/wp-content/uploads/2014/05/SCHEDA-DI-REGISTRAZIONE-DEL-GRUPPO.pdf

Per i gruppi i gruppi di Base, gli Istituti scolastici e chi a chiunque titolo possa beneficiare dell’uso della sala in convenzione (art. 2 della convenzione firmata con SGP) non è possibile fare richiesta, almeno in prima istanza di più di 1/3 delle giornate a disposizione per ogni settore. E’ in ogni caso fatta salva la il parere di rigettare richieste ritenute non conformi alla natura pubblica della sala.

 

Art 4

(CORRISPETTIVO PER L’UTILIZZO E CASI DI ESENZIONE/RIDUZIONE)

Per l’uso della sala l’utente deve versare l’apposita tariffa fissata come da specifico accordo in convenzione per ciascuna volta che viene utilizzata una sala; per periodi continuativi il Gestore potrà stabilire una tariffa cumulativa di tipo forfetario. Per l’utilizzo dell’attrezzatura è necessario sempre un tecnico qualificato. Nel caso dovesse provvedere la sala si addebiterà il costo del tecnico.

 Il versamento di quanto dovuto dovrà essere effettuato nelle seguenti modalità e allegato alla richiesta.

Le tariffe sono così fissate:

Giornata intera in convenzione Euro 150,00;

Mezza giornata in convenzione Euro 75,00;

Mezza giornata in convenzione per soggetti  di interesse pubblico  Euro 40,00;

Tariffa oraria Euro 13,00 (minimo due ore).

Il versamento di quanto dovuto dovrà essere effettuato nelle seguenti modalità e allegato alla richiesta:

Assegno bancario o circolare intestato a Associazione C.R.E.A.

L’importo può anche essere versato su:

      – CARTA PAYup di BANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA N. 4998073040110366, allegando la ricevuta di versamento;

      – BONIFICO bancario intestato a Associazione CREA, via del Tricolore, 14, 41049 Sassuolo, IBAN IT24T0538767010000001609273 c/o Banca Popolare Dell’Emilia Romagna – Sportello Sassuolo allegando la ricevuta di versamento;

     – Direttamente sul sito http://associazionecrea.it/donazioni/, specificando RICHIESTA SALA TEMPLE 2014.

Nella richiesta si dovrà specificare se è sufficiente la dotazione minima di luci.

Nel caso la dotazione minima di luci non sia sufficiente sarà obbligatorio presentare una scheda tecnica dell’allestimento al momento della richiesta per garantire al gestione la corretta predisposizione degli impianti

Per motivi di sicurezza sarà necessario che l’utilizzatore garantisca la presenza di un tecnico qualificato per l’uso degli impianti.

La massima potenza erogabile è di Kw 10.

Per gli allestimenti sino a 10 P.C il Teatro Temple il gestore chiede un integrazione d’uso pari ad Euro 100 per coprire le spese di energia elettrica e di manutenzione.

L’utilizzatore dovrà dopo lo smontaggio lasciare i fari con il piazzato indicato in cabina luci.

Art. 5

(NORME DI SICUREZZA)

La concessione in uso delle sale di proprietà comunale è subordinata all’assunzione di impegno da parte del richiedente circa il rispetto delle norme comportamentali in materia di utilizzo dei locali e sicurezza fissate dalla convenzione.

In particolare il concessionario dovrà impegnarsi a:

– Utilizzare la sala, i relativi impianti, arredi ed attrezzature con la massima cura e diligenza e per la sola attività per la quale viene concessa.

– Vigilare, in forma continuativa, per la tutela dei beni e delle dotazioni della sala di proprietà del Comune e comunicare immediatamente al Gestore l’eventuale presenza di guasti all’impianto elettrico/idrico/di riscaldamento dell’immobile.

– Osservare scrupolosamente il periodo e gli orari di utilizzo della sala e non cedere ad altri l’uso della sala stessa.

– Accedere alla sala senza superare il numero massimo consentito in relazione alla capienza (99 persone complessive).

– Non allestire servizi in loco servizi di preparazione pasti.

– Far osservare il «Divieto di fumo».

– Evitare, in qualsiasi orario l’utilizzo di amplificatori, apparecchi radiofonici e televisivi, strumenti musicali (anche non amplificati) nonché qualsiasi altra attività che possa costituire disturbo alla quiete pubblica;

– Sollevare il Gestore da ogni responsabilità per quanto possa accadere nella sala ricevuta in concessione a persone e a cose per tutta la durata dell’utilizzo;

– Risarcire ogni eventuale danno a cose o persone che si dovesse verificare, da parte di chiunque, conseguentemente ed in dipendenza della concessione come da verifica effettuata dal Gestore o da altro incaricato del Comune.

– Risarcire il Comune e/o il Gestore di eventuali danni arrecati alla sala, e a quanto in essa contenuto, durante il periodo di concessione e verificati dal custode dell’immobile.

– Restituire la sala ed i servizi igienici in perfetto ordine e pulizia, al termine di ogni utilizzo.

– Non depositare materiali d’ingombro, imballaggi e rifiuti nei locali annessi alla sala e nei servizi igienici ed in particolare davanti alle uscite di emergenza;

– Non affiggere cartelli, stendardi, manifesti al di fuori degli spazi prestabiliti;

– Garantire la presenza di un addetto antincendio ed un addetto al primo soccorso, il quale dovrà presidiare la sala, prendere visione del posizionamento degli estintori e della cassetta di Pronto Soccorso.

– Prendere visione delle procedure in caso di incendio e in caso di terremoto di seguito indicate.

– Individuare ed indicare il nominativo dell’addetto antincendio e Pronto Soccorso di cui intende avvalersi.

– Adempiere a qualunque altro obbligo introdotto in materia di sicurezza da successiva normativa.

Fermo restando l’obbligo di custodia gravante sul concessionario, spetta al Sub Concessionario, a mezzo di proprio incaricato, garantire l’apertura e la chiusura delle sale per l’orario richiesto e garantire nei mesi invernali il riscaldamento delle sale.

Art. 6

(REVOCA DELLA CONCESSIONE)

 Per improvvise, impreviste ed inderogabili necessità del GESTORE, sentito il parere dell’Amministrazione Comunale, la concessione delle Sale può essere revocata in qualsiasi momento. In tal caso il Gestore è sollevato da ogni obbligo di rimborsare ai richiedenti qualsiasi spesa da essi sostenuta o impegnata, ovvero di corrispondere qualsivoglia risarcimento di eventuali danni, fatta eccezione per l’importo del canone già versato che dovrà essere restituito.

 

 E’ vietata qualsiasi forma di cessione o di sub-concessione delle Sale Comunali.